Ance: “Costruzioni, unico settore con occupazione ancora negativa”

Nel I trimestre 2016 gli occupati nel settore delle costruzioni si riducono ulteriormente del 3, 5% su base annua (+1, 1% per l’intero sistema economico), sintesi di un calo dei lavoratori indipendenti (-9, 8%) e di un aumento dei dipendenti (+1, 3%). Il bilancio dei posti di lavoro persi nel settore dall’inizio della crisi è molto elevato (-580.000 occupati). A renderlo noto l’Ance, l’Associazione nazionale costruttori edili.

Nel documento diffuso dall’Associazione si legge che “la ripresa dell’economia italiana si è positivamente riflessa sul mercato del lavoro”, ma il settore delle costruzioni “stenta ancora a ripartire e continua ad essere l’unico comparto a registrare flessioni di occupazione”.

In particolare, l’Osservatorio Congiunturale dell’industria delle costruzioni di Luglio 2016 relativo alle dinamiche e alla struttura dell’occupazione nelle costruzioni ha sottolineato che “nel 2015 le ore lavorate sono ulteriormente diminuite dello 0, 3% (dopo il -5, 1% nel 2014) e nel primo trimestre 2016 si rileva un calo dello 0, 5%. Per le unità di lavoro le flessioni tendenziali si attestano, rispettivamente, all’1% e al 3, 7%”.

L’Ance ha evidenziato che “nel 2015, nel settore delle costruzioni risultano 1.468.000 occupati che costituiscono il 24, 6% degli addetti nell’industria e il 6, 5% degli occupati nell’insieme dei settori di attività economica. Rispetto al 2014 si registra un ulteriore calo dell’1, 1% che conferma il trend negativo degli anni precedenti. Anche i dati relativi ai primi tre mesi del 2016 sono negativi: -3, 5% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente”.

Laissez Vos Commentaires

Please enter your comment!
Please enter your name here