Cambiano i tempi, cambiano le vacanze: la trasformazione delle abitudini turistiche degli italiani negli ultimi decenni

Se negli anni sessanta gli italiani stavano fuori 20 giorni a testa, oggi le vacanze si sono dimezzate. E di recente, a diminuire è stato anche il numero dei viaggiatori che lasciano lo stress cittadino. Nel 2008 partiva il 49% degli italiani, nel 2012 il 34, in questi giorni a partire è solo il 31%. Un'indagine della federconsumatori e dell'ente bilaterale nazionale del turismo ha raccontato come sono cambiate nei decenni le abitudini vacanziere degli italiani

Il mare resta ancora la meta preferita degli italiani, ma dopo l'esodo dell'intero mese di agosto ormai si tratta più che altro di una scappata e fuga. I viaggi del week end non sono più convenienti, perché non si ammortizzano i costi. Dopo il boom dell'estero siamo tornati a prediligere il nostro paese. Nel 2005 restava in Italia il 76 per cento dei viaggiatori, contro il 24 che preferiva le mete oltre confine, l'anno scorso invece hanno varcato i confini il 20% contro l'80% che non si è allontanato

La tipologia di vacanza preferita è la crociera, divertimento assicurato per grandi e piccini. Se dieci anni fa, circa 5, 6 milioni di turisti sceglievano il viaggio sul mare, oggi sono quattro volte tanto, mentre la meta preferita è il mediterraneo

Laissez Vos Commentaires

Please enter your comment!
Please enter your name here