Città green o come risparmiare 17mila miliardi di dollari entro il 2050

Rendere le città "green" con un trasporto pubblico a basse emissioni, edifici efficienti e una buona gestione dei rifiuti può generare risparmi globali per 17mila miliardi di dollari entro il 2050 solo in termini di minore spesa energetica. A sostenerlo è uno studio della Global Commission on the Economy and Climate

A elaborare lo studio è una commissione internazionale indipendente guidata dall'ex presidente messicano Felipe Calderon e composta da una trentina di ex capi di governo, ministri delle finanze e leader economici. In esso si mette in evidenza che se i governi mondiali incrementassero gli sforzi, ad esempio sostenendo l'innovazione verde, tagliando i sussidi ai combustibili fossili e introducendo una tassa sul carbonio, i risparmi potrebbero salire a 22mila miliardi di dollari.

Investire nelle città green può ridurre le emissioni di gas a effetto serra per 3, 7 miliardi di tonnellate di CO2 all'anno entro il 2030, più delle attuali emissioni dell'India. A confronto le emissioni dei 28 paesi dell'Ue, secondo stime Eurostat, ammontano di 3, 18 miliardi di tonnellate di CO2 nel 2014. "I passi che le città fanno per ridurre la propria impronta di carbonio riducono anche i costi energetici, migliorano la salute pubblica e aiutano ad attrarre nuovi residenti e nuove imprese", ha commentato l'ex sindaco di New York Michael Bloomberg, inviato speciale dell'Onu per le città e il cambiamento climatico.

Laissez Vos Commentaires

Please enter your comment!
Please enter your name here