Cosa succede al mutuo se la casa scoppia?

Le pagine di cronaca riportano spesso casi di esplosioni di edifici residenziali a seguito di fughe di gas o di eventi incidentali che portano allo scoppio o all’incendio di una casa. La domanda che ci si potrebbe porre, pensando agli sfortunati abitanti di queste case, è: cosa succederà loro, in caso avessero acquistato il proprio appartamento con un mutuo? Che fine farà il loro denaro? Saranno risarciti? Quanto costerà la ricostruzione della loro casa, o l’acquisto di una nuova? Abbiamo cercato risposta a queste domande con l’aiuto di alcuni esperti.

Polizza incendio e scoppio mutuo è obbligatoria per legge

Innanzitutto va detto che quando si stipula un mutuo per la casa, l’assicurazione scoppio e incendio è la sola che obbligatoriamente la banca chieda di accendere (tramite il proprio provider assicurativo o tramite un altro assicuratore scelto dal mutuatario). Tale polizza è obbligatoria, ovviamente, perché in tal modo la banca tutela se stessa dall’eventuale perdita del bene oggetto del mutuo. Se infatti la casa scoppia mentre il mutuo non è ancora estinto, in assenza di assicurazione la banca perderebbe sia le rate residue che l’immobile sottostante al mutuo.

La polizza scoppio e incendio copre quindi i danni sia alla struttura che all’arredamento e agli impianti della casa, purché essi derivino da cause del tutto accidentali, che verranno accertate dai periti. Dove costoro verificassero l’esistenza di dolo o disattenzione da parte del mutuatario, non ci sarebbe alcun risarcimento. A quanto ammonta, quindi, l’entità dell’assicurazione?

Assicurazione incendio e scoppio cosa copre?

“Normalmente la polizza copre il valore della casa su cui viene iscritta ipoteca in base poi al valore del mutuo, ad esempio su un mutuo da 100 mila euro il valore dell’ipoteca può essere di 150 mila – spiega Renato Landoni, presidente di Kiron Partners Spa. - E’ bene quindi assicurare il valore della casa a “nuovo” (ovvero il costo per ricostruire a nuovo la casa) e non solo per il valore del mutuo o valore commerciale”.

Cosa significa, in altri termini? Ci spiega un consulente di Ubi Banca: “Se si verifica uno scoppio o un incendio, l’assicurazione eroga una somma che può essere fissata con una franchigia, oppure può coincidere con il valore del mutuo, oppure ancora con il valore della costruzione a nuovo della casa, o per il valore commerciale della casa. Queste sono scelte che vanno fatte attentamente al momento della firma, perché la somma che poi si incasserà deve servire sia ad estinguere il mutuo precedente, sia a ricostruire o ad acquistare un’altra casa”.

Se quindi la polizza che stiamo sottoscrivendo non prevede franchigia fissata a priori, la scelta migliore è quella di assicurare la casa per il valore della costruzione a nuovo, che solitamente è diverso sia dal valore commerciale dell’immobile che dal valore del mutuo. “Se scegliessimo una di queste due ultime opzioni – commenta Landoni – rischieremmo di essere sovrassicurati, pagando magari un premio superiore rispetto al risarcimento che effettivamente ci spetterà, o sottoassicurati. Le somme residue del mutuo infatti, se non sono coperte dal valore della polizza stipulata, devo essere pagate alla banca comunque”. In altre parole, il risarcimento dell’assicurazione potrebbe non bastare per estinguere il mutuo, e comunque per pagare le spese di ricostruzione. Assicurando invece l’immobile per il valore della ricostruzione, di solito superiore alla somma finanziata dalla banca, dovrebbe rimanere una somma sufficiente a ricominciare dopo l’incidente.

“Le scelte sull’assicurazione sono importanti, ecco perché è sempre bene farsi consigliare da un professionista”, consiglia Landoni.

Infine, come avviene il risarcimento? Una volta accertato che se ne ha diritto, la compagnia assicurativa informa la banca della prossima erogazione, così come la banca informa l’assicuratore di eventuali ritardi nel pagamento della rata del mutuo, alla quale il premio assicurativo è collegato. “Quando si stipula una polizza incendio e scoppio sulla casa si devi sempre far inserire in polizza un’appendice di vincolo a favore della banca”, consiglia Landoni. Ciò infatti fa sì che il risarcimento venga erogato direttamente alla banca, che in questo modo sarà immediatamente quietata, e corrisponderà al mutuatario le eventuali somme residue. “Attenzione però – avverte Landoni, - la banca recupera i soldi del mutuo solo se la polizza è in vigore al momento dell’incidente”.

In caso il mutuo sia estinto in anticipo, le eventuali rate residue dell’assicurazione devono essere rimborsate, costituendo un premio non goduto dal mutuatario.

Laissez Vos Commentaires

Please enter your comment!
Please enter your name here