Demanio e Invimit insieme per un fondo dove far confluire gli immobili delle province

Novità in arrivo sul fronte dei fondi immobiliari. "Entro un paio di mesi verrà costituito con Invimit un fondo nel quale saranno conferiti gli immobili delle province per abbattere il loro debito", a dirlo il direttore dell'Agenzie del Demanio, Roberto Reggi, intervenendo al Salone del risparmio di Milano.

Reggi ha spiegato che "in tempo di crisi i fondi immobiliari sono importanti strumenti per ristrutturare i beni". Ecco quindi il progetto dell'Agenzia del Demanio e di Invimit, la Sgr del ministero dell'Economia e delle Finanze. Nell'illustrarlo, il direttore dell'Agenzie del Demanio ha fatto sapere: "per il 2015 l'obiettivo è di costituire il fondo e conferire i primi 500 milioni di euro di immobili, mentre nel 2016 verranno apportati beni per altri 500 milioni". Nel complesso si parla di cessioni per un controvalore di 1, 5 miliardi di euro da qui al 2017.

Ma quali saranno gli immobili conferiti? Prefetture, questure, caserme dei vigili del fuoco e comandi provinciali delle forze dell'ordine che sono oggi in gran parte delle province. Così sarà possibile abbattere il debito delle province.

Reggi ha poi spiegato che le quote del fondo saranno inizialmente acquistate da investitori istituzionali e che successivamente il fondo potrebbe anche aprirsi al retail, quindi al pubblico dei risparmiatori.

Il direttore dell'Agenzia del Demanio ha poi fatto sapere che nei prossimi tre anni c'è l'obiettivo di ridurre del 30% gli spazi utilizzati dalla pubblica amministrazione e del 50% le locazioni passive che oggi hanno un costo per lo Stato di 900 milioni di euro.

Reggi ha inoltre sottolineato che oggi le pubbliche amministrazioni hanno 200mila immobili con un valore di libro di 250 miliardi di euro e che lo Stato centrale possiede immobili per 60 miliardi, di cui l'80% è in uso governativo, il 10% è patrimonio storico artistico, il 5% è a servizio di istituzioni come le università e solo il 5%, circa 3 miliardi di euro, è disponibile per la vendita.

Laissez Vos Commentaires

Please enter your comment!
Please enter your name here