Edilizia, l'allarme di confartigianato: in un anno persi 123mila posti di lavoro

In un anno, tra settembre 2012 e lo stesso mese del 2013, l'occupazione nel settore delle costruzioni è diminuita del 7, 1%, sono stati persi 123mila posti di lavoro e le imprese artigiane dell'edilizia sono calate del 4, 3%. È questa la situazione fotografata dal rapporto confartigianato

Il settore dell'edilizia è in crisi, dal terzo trimestre 2008 è stata registrata una diminuzione complessiva di 400mila occupati (pari al -20%), e il futuro non sembra promettere bene. Il solo spiraglio di luce è offerto dalle detrazioni fiscali per le ristrutturazioni

Il rapporto confartigianato ha evidenziato che, rispetto al 2011, nel 2012 il valore aggiunto del settore è diminuito del 5, 8%. Un calo ancora più accentuato se si estende la rilevazione al periodo pre-crisi: ovvero dal 2007 al 2012. In quell'arco di tempo la perdita di valore aggiunto delle costruzioni è arrivata al 22, 2%, il calo maggiore tra i settori economici che hanno perso in media il 6, 6% del valore aggiunto

Segno meno anche per i finanziamenti alle imprese di costruzione. In questo caso tra giugno 2012 e settembre 2013 è stata registrata una flessione del 2, 8%. A ciò si uniscono elevati tassi di interesse. Il valore dei tassi di interesse pagati dagli imprenditori del settore, infatti, si attesta al 7, 48%, un punto in più rispetto alla media di quelli applicati al totale delle imprese

Ma non finisce qui. Il rapporto confartigianato ha mostrato anche che non si è fermata la flessione dello stock di mutui alle famiglie per l'acquisto di abitazioni. A tal proposito, lo studio ha evidenziato il fatto che da agosto a ottobre è sceso dell'1%, mentre nell'area euro è cresciuto dello 0, 9%. C'è poi il problema del tasso di interesse applicato sui mutui per comprare casa, che per le famiglie italiane (3, 31%) è maggiore di 54 punti base rispetto alla media dell'eurozona (2, 77%)

Tutti elementi che influiscono sulle compravendite immobiliari. È così che a settembre 2013 si è registrato un calo (il settimo consecutivo dal primo trimestre del 2009) del 6, 6% rispetto all'anno precedente. A fronte di ciò è cresciuto lo stock di case invendute, nel 2012 pari a 64, 4%

La confartigianato ha parlato di un quadro a tinte fosche, rischiarato soltano dagli incentivi per le ristrutturazioni e la riqualificazione energetica degli edifici. Grazie a queste misure, a ottobre 2013 l'associazione ha rilevato 2.316.000 proprietari di immobili orientati ad effettuare nei prossimi 12 mesi un intervento di manutenzione nella propria abitazione

Edilizia, rapporto confartigianato
From
Idealistait

Laissez Vos Commentaires

Please enter your comment!
Please enter your name here