Germania, più di un milione di case nuove per frenare la crescita dei canoni d'affitto

La Germania mette in campo una nuova misura per frenare l'impennata dei prezzi degli affitti nel Paese. Il governo di Angela Merkel ha infatti annunciato che saranno costruite un milione e mezzo di case nuove per aumentare lo stock in offerta.

In Germania oltre la metà della popolazione vive in affitto (secondo i dati dell'Ufficio federale di statistica solo il 45% possiede una casa di proprietà) e il prezzo dell'affitto è aumentato a un ritmo vertiginoso negli ultimi anni, spinto dalla crescita economica, dalla creazione di nuovi posti di lavoro e dai tassi di interessi ai minimi storici.

Secondo uno studio dell'Istituto Empirica, tra il 2012 e il 2016, gli affitti sono cresciuti del 15%, ma la scalata non sembra avere fine, considerando che nel primo trimestre dell'anno si è registrato un aumento di oltre il 5, 3%, a fronte di un'inflazione stabile al 2%.

Il piano che hai in mente il governo di Merkel è quello di aumentare lo stock di immobili per far sí che i canoni siano più accessibili. Tra le misure previste: gli aiuti diretti per l'acquisto di una prima abitazione, la costruzione di un maggior numero di case di edilizia residenziale pubblica e l'aumento del suolo disponibile.

La prima potenza europea ha previsto un'investimento di 5 milioni di euro per costruire 100mila abitazioni in housing sociale fino al 2021 e altri 2, 700 miliardi per aiutare le famiglie con almeno un figlio ad acquistare la prima abitazione. Inoltre l'esecutivo ha già concluso degli accordi con differenti amministrazioni nazionali per aumentare la disponibilità di terreno edificabile e agilizzare i permessi per la costruzione di immobili nuovi.

Il fallimento delle misure precendenti

Non si tratta sicuramente della prima misura messa in campo dalla Germania per intentare frenare la scalata del prezzo degli affitti. Nelle principali città si è cercato di porre un limite ai canoni di locazione, ma il piano è stato un completo fallimento. La ragione è da imputarsi alla facilità con cui i proprietari hanno potuto eludere i controlli e dalla mancanza di sanzioni per chi non rispettava i limiti imposti. La misura ha finito per impulsare il mercato degli affitti, invece di porre un freno.

Laissez Vos Commentaires

Please enter your comment!
Please enter your name here