Gran bretagna, il governo approva delle politiche per rilanciare il mattone

Rilanciare il settore edilizio e immobiliare è un buon modo per dare nuovo impulso all'economia. Ne è convinto il governo inglese che nella finanziaria 2013 ha introdotto delle novità importanti per il mattone. In primis delle misure per facilitare l'acquisto di un immobile, ma anche delle garanzie sui mutui

Per quanto riguarda l'acquisto di un immobile, il programma già esistente "fist buy" diventa "help to buy" e viene esteso a tutti quelli che vogliono acquistare una casa nuova che costi un massimo di 600mila sterline. L'acquirente deve essere in grado di versare un deposito pari al 5% del valore della casa, il governo verserà il 20% sotto forma di prestiti senza interessi e una banca fornirà il resto del denaro necessario. Secondo le stime del ministero del tesoro, il programma costerà alle casse statali 3, 5 miliardi di sterline e durerà tre anni a partire da aprile 2013

Anche per i mutui verrà attivato un fondo di garanzia. Questo varrà per l'acquisto tanto di immobili nuovi che usati e sarà diretto a chi può pagare le rate, ma non il deposito iniziale richiesto. Anche in questo caso, l'acquirente dovrà versare il 5% del deposito, mentre il 20% sarà fornito dal governo e il resto dalla banca. Il programma partirà da gennaio 2014 e ha un fondo di 130miliardi di sterline

Ma il governo è aperto anche alla possibilità di includere i reit, fondi di investimento immobiliari, nella definzione di "investimento istituzionale", con tutti i vantaggi che ne derivano. In questo modo vuole accogliere le richeste provenienti dalla british property federation. Proprio per questa ragione ha deciso anche di snellire le procedure per il cambio destinazione d'uso da commerciale a residenziale, che dovrebbe facilitare la trasformazione di molti negozi in abitazioni

Laissez Vos Commentaires

Please enter your comment!
Please enter your name here