Il primo stadio in legno è realtà, si trova in Canada ma è made in Italy

I due progetti per il nuovo San Siro presentati da Milan e Inter sono ancora in attesa del parere del Comune, mentre da quando è iniziato l’iter per lo stadio della Roma (marzo 2014) nella Capitale si sono avvicendati già 2 papi, 4 sindaci e 3 presidenti di Regione senza che siano stati sostanziali passi in avanti in merito.

In Canada, invece, è stato appena costruito il primo stadio modulare, in legno lamellare, a basso impatto ambientale e totalmente green. Lo hanno costruito, in appena 5 mesi, due aziende italiane specializzate nel settore delle costruzioni in legno (Rubner Holzbau) e degli impianti sportivi (Bear Stadiums).

L’impianto ospita circa 5.500 spettatori che diventeranno 8mila l’anno prossimo, con 18 skybox, chioschi e servizi e un Beer Garden all’aperto per fans e famiglie. Numeri e proporzioni troppo esigui, probabilmente, per club ambiziosi come Roma, Milan e Inter. Ma che potrebbero fare al caso della maggior parte delle società italiane, costrette a giocare attualmente in stadi a dir poco fatiscenti.

Il Westhills Stadium, infatti, è stato progettato proprio per le esigenze di società sportive piccole e medie, suscitando già l’interesse di diverse federazioni calcistiche italiane ed estere, che intendono attuare il piano di sostenibilità annunciato dalla Fifa.

Laissez Vos Commentaires

Please enter your comment!
Please enter your name here