Immobiliare, Ance: 5 condizioni per una svolta

Nel recente Osservatorio Congiunturale sul mercato delle costruzioni, l'Ance ha segnalato il 2017 come l'anno della vera svolta per il settore immobiliare. Ma per garantire che quest'anno si concretizzi la ripresa sono necessarie cinque condizioni.

  1. Codice appalti: trasformare le risorse in cantieri Piena condivisione per gli obiettivi di trasparenza, efficienza e legalità perseguiti dal nuovo codice degli appalti. Ma per sbloccare i cantieri sono necessarie modifiche che consentano alle amministrazioni di aggiudicare appalti e consegnare lavori in tempi certi e con modalità più snelle. Va inoltre portato a termine, al più presto, il percorso attuativo della riforma.
  2. Casa Italia: passare alla fase attuativa
    - Varare al più presto il decreto del Mit sulla classificazione sismica degli edifici per rendere pienamente utilizzabili gli incentivi fiscali sull’antisismica (85%) contenuti nella Legge di bilancio.
    - Rendere effettivamente possibile la cessione a terzi dei crediti fiscali derivanti dagli interventi di messa in sicurezza.
    - Rendere immediatamente operativo il fondo investimenti e sviluppo infrastrutturale della Presidenza del Consiglio dei ministri.
  3. Realizzare la rigenerazione urbana
    -
    Estensione della detrazione Irpef agli interventi di demolizione e ricostruzione anche con incrementi volumetrici. - Introdurre agevolazioni fiscali ai trasferimenti di aree per facilitare l’avvio di programmi di edilizia residenziale già previsti nei piani urbanistici.
    - Prevedere una detassazione dei dividendi delle persone fisiche che investono in progetti di rigenerazione urbana.
  4. Favorire la eco-conversione del mercato immobiliare - Prorogare la detrazione del 50% dell’Iva pagata sull’acquisto di case in classe A e B per almeno un triennio.
    - Incentivare la rottamazione delle abitazioni detassando le permute di case energivore e obsolete tra privati e imprese che si impegnano alla loro riqualificazione.
  5. Costruire un rapporto trasparente tra banche e imprese
    -
    Per migliorare l’accesso al credito delle imprese di costruzioni, è necessario che la riforma del Fondo di Garanzia per le Pmi entri in vigore nel più breve tempo possibile.
    - Serve un nuovo rapporto banca-impresa con criteri condivisi per la presentazione e la valutazione dei progetti.

Laissez Vos Commentaires

Please enter your comment!
Please enter your name here