La casa le costò 1 dollaro. Eppure gliela pignorano (video)

Linda hatchell né compró casa ad un prezzo esorbitante, né accese un mutuo subprime, ma le stanno ugualmente per pignorare l'abitazione come a qualsiasi altro cittadino nordamericano che si sia lasciato sedurre dalla bolla immobiliare, nonostante linda la casa la pagó 1 dollaro e il mutuo finisce di pagarlo fra un anno. Guarda il video

La storia di un proprietario che compra una casa di cui non può affrontare le spese con le entrate a disposizione durante gli anni del boom, che la finanza con un mutuo irrazionale perché la banca considera che i prezzi delle case continuino ad aumentare di prezzo e che dopo gli viene pignorata dopo il crollo del mercato è una cosa comune negli usa e quasi la conosciamo tutti a memoria

Ma non è questo il caso di linda hatchell, una donna che comprò una casa in stile vittoriano a glen ellyn (illinois) per un dollaro, ma che adesso è sul punto di perderla, come tutti gli altri

Linda compró casa 22 anni fa, nel 1989, e si trovava in uno stato catastrofico. Il padrone precedente aveva in mente di abbatterla, ma linda era sicura che quella sarebbe stata la casa dei suoi sogni: una casa elegante e alla sua portata. L'unica condizione che le diede il proprietario per vendergliela ad 1 dollaro fu che la portasse via di lí e la sistemasse in un altro posto. Come se si trattasse di un mobile, hatchell accettò il patto e trasportò la sua casa in un altro posto, al prezzo di 50mila dollari (circa 37mila dollari)

Successivamente e per 20 anni la restrutturò fino a riportarla al suo stato originale e la riempì di oggetti d'antiquariato dell'epoca, di vari centinaia di migliaia di dollari. Finanziò il progetto con un mutuo, ma la perdita del lavoro e i problemi di saluti che attraversa in un paese come gli usa dove la sanità ha un costo elevato portarono la hatchell quasi al pignoramento, nonostante la casa in sè le fosse costata solo un 1 euro e le resti da pagare solo un anno

Guarda il video

Laissez Vos Commentaires

Please enter your comment!
Please enter your name here