Maison du monde: affitti calmierati per la zona grigia della popolazione che non può avere una casa

Un condominio solidale per favorire l'integrazione tra famiglie italiane e straniere, tra studenti universitari e anziani. È questo maison du monde, un progetto promosso
Da fondazione cariplo, fondazione housing sociale e regione Lombardia-
Con il fondo immobiliare di Lombardia- per la ristrutturazione di un complesso immobiliare sito in via Padova 36, in una delle zone più multietniche di Milano

"Il progetto- dice giordana ferri, responsabile ricerche e progettazione della fondazione housing sociale- mira alla recuperazione e alla valorizzazione di un edificio già esistente (originariamente di proprietà della veneranda biblioteca ambrosiana)- per rispondere alle esigente abitative di quella che possiamo definire "la zona grigia della popolazione". "Gente troppo ricca per accedere alle case popolari e troppo povera per accedere al mercato libero degli affitti"

L'edificio di via Padova è un palazzo d'epoca dei primi del 900 con al piano terra dei locali commerciali. L'opera di ristrutturazione -iniziata il 21 diciembre 2011 e che avrà termine a marzo 2014- porterà alla realizzazione di 50 alloggi di classe energetica b, 1 un'unità destinata a ufficio, 2 unità commerciali

"Fino ad ora - dice la dott.ssa ferri- è stata ristrutturata una metà dell'edificio, dove saranno spostate le famiglie che già occupavano lo stabile prima dell'inizio dei lavori. Una volta terminati l'opera di riforma anche sull'altra metà, questa verrà occupata da famiglie o giovani che risponderanno ai requisiti di un bando che sarà indetto a breve"

Gli alloggi ad affitto calmierato offerti sono essenzialmente di due tipologie: gli appartamenti destinati all'housing sociale per giovani coppie o famiglie- tanto italiane o straniere- che intendono stabilire la propria residenza indefinita nello stabile; o appartamenti destinati alla residenza temporanea di lavoratori in trasferta o in mobilità, lavoratori precari, giovani studenti, famiglie parenti o amici di degenti ospedalieri interessati appunto ad un alloggio per un periodo determinato di tempo. I prezzi degli alloggi varieranno a seconda delle dimensioni degli stessi e delle possibilità economiche degli inquilini

Il progetto maison du monde prevede anche l'attivazione di una serie di servizi rivolti agli inquilini dello stabile e di tutto il quartirere per promuovere lo sviluppo e l'integrazione sociale e culturale. Sebbene non ancora terminato, maison du monde è stato inagurato il 2 giugno in occasione del vii incontro mondiale delle famiglie e della visita del santo padre benedetto xvi a Milano

Laissez Vos Commentaires

Please enter your comment!
Please enter your name here