Nelle idi di marzo inizia la xvii legislatura. Ecco tutte le tappe principali

Si comincia venerdì 15 marzo con la convocazione delle camere uscite dalle urne e tutti si chiedono quanto durerà la xvii legislatura della repubblica italiana. Soprattutto perché le prime settimane saranno decisive per la formazione di un governo e per l'elezione del nuovo presidente della repubblica. Ma vediamo quali saranno i primi, cruciali appuntamenti, di questa nuova tappa che avrà inizio proprio il giorno della congiura delle idi di marzo

1) 15 marzo- convocazione delle camere. Sebbene da più fronti si auspicava un anticipo sulla data della prima seduta, "dificoltà di vario ordine" hanno consigliato di confermare la data. Alle 10.30 la camera e alle 11 il senato terranno la prima seduta. A palazzo madama la seduta sarà presieduta dal secondo senatore più anziano, emilio colombo di 93 anni. A montecitorio la seduta sarà presieduta da dal vicepresidente anziano della precedente legislatura, Antonio leone (pdl

2) elezione dei presidenti di camera e senato - alla camera dopo i primi due voti che prevedono un maggioranza dei due terzi, alla terza sarà sufficiente la maggioranza assoltua di 31. Il pd potrebbe quindi eleggere agevolmente il proprio candidato (forse il capogruppo uscente Dario franceschini), anche se potrebbero anche lasciare l'incarico a un grillino. Più complicata la situazione al senato, dove il pd ha solo la maggioranza relativa di 123 senatori

3) 19-20 marzo- inizio delle consultazioni del capo dello stato. Dopo la costituzione dei gruppi parlamentari con i loro vertici, inizieranno le consultazioni del capo dello stato per sondare gli animi e capire se ci sono i margini per creare un governo di maggioranza

4) 15 aprile -elezione del presidente della repubblica. Un mese prima della scadenza del mandato di napolitano, il 15 maggio, le due camere in seduta congiunta dovranno eleggere il suo successore. La soglia delle prime due votazioni è quella dei due terzi dei 1.007 grandi elettori (949 parlamentari e 58 delegati delle regioni), mentre dalla terza in poi basterà la maggioranza assoluta di 504 voti. I voti di pd e scelta civica di monti 8512) sarebbero quindi sufficienti per eleggere il nuovo presidente della repubblica

Laissez Vos Commentaires

Please enter your comment!
Please enter your name here