Passo carrabile, quanto costa ottenerlo e come funziona la normativa

Evitare che altri autoveicoli intralcino l’accesso alla propria abitazione, ecco il pericolo che praticamente ogni cittadino vuole scongiurare. E per riuscirci basta un cartello che segnali il divieto di parcheggiare davanti a un’area di proprietà privata. Si tratta del passo carrabile, definito dall’articolo 3 del codice della strada come "l’accesso a un’area laterale idonea allo stazionamento di uno o più veicoli".

Cosa stabilisce la normativa sul passo carrabile

L’esposizione del cartello di passo carrabile stabilisce il permesso di occupare una porzione di suolo pubblico. In presenza di un passo carrabile, esiste anche un divieto di sosta. È consentita unicamente una sosta breve, finalizzata al carico e allo scarico delle merci. Per ottenere un passo carrabile l'apertura deve essere compresa tra i 2.5 e i 4 metri.

Si potrà chiedere l’autorizzazione per una superficie più ampia qualora la strada sia stretta e poco agibile per le manovre di circolazione. Lo spazio di apertura deve essere pavimentato e non deve situarsi a una distanza inferiore a 12 metri rispetto a una curva o a un’intersezione. Deve essere visibile da una distanza pari allo spazio di frenata risultante dalla velocità massima che è consentita nella strada dove è situato.

Deve consentire l’accesso ad area laterale idonea al breve stazionamento o alla circolazione dei veicoli. Nel caso in cui l’accesso alla proprietà sia caratterizzato da considerevole traffico pedonale è necessaria una separazione dell’entrata carrabile da quella pedonale. Inoltre deve essere caratterizzato da almeno 3 metri in piano prima di eventuale rampa.

Chi può richiedere il passo carrabile

La domanda per ottenere il passo carrabile può essere presentata dal solo proprietario dell'immobile. Non sono legittimati, ad esempio, eventuali affittuari o titolari di altri diritti di godimento. Per gli edifici condominiali la richiesta potrà essere effettuata dall’amministratore del condominio. In questo caso si dovrà allegare anche la copia del consenso firmato da parte di tutti i condomini. La domanda per il rilascio del passo carrabile su strada comunale deve essere presentata all'Ufficio Accettazione del Servizio Edilizia del Comune dove si trova il fabbricato.

Come richiedere il passo carrabile

Per ottenere le opportune informazioni si potrà consultare il sito internet dell’ente in questione. In caso di richiesta di passo carrabile su strada non comunale, ubicata fuori dal un centro abitato, la richiesta dovrà essere inoltrata all’Ufficio di competenza dell’Anas o della Provincia, a seconda che la strada sia statale o provinciale.

In caso di passo carrabile su strada non comunale ma ubicata in un centro abitato, il rilascio del passo carrabile sarà a carico dell’ufficio di Edilizia del Comune di competenza, previa la presentazione del nulla osta del proprietario della strada. In tutti i Comuni viene chiesto di presentare apposita modulistica, che dovrà essere debitamente compilata dal richiedente, riportando i propri dati anagrafici, il codice fiscale, la residenza e il domicilio, i dati relativi all’area che avrà accesso alla strada pubblica (via e numero civico).

Si dovranno allegare, inoltre, tre copie della planimetria del catasto, le foto relative alla zona sulla quale intervenire, copia del nulla osta del proprietario se si tratta di strada provinciale o statale in centro abitato. Per quanto concerne i tempi di concessione, si dovrà attendere un periodo che va da 15 a 20 giorni, a decorrere dalla data di presentazione della domanda. I tempi si allungano qualora fosse necessario il rilascio di una concessione edilizia.

Quanto costa ottenere un passo carribile

A questa documentazione va allegato l'attestato di avvenuto pagamento dei diritti di istruttoria della pratica e la marca da bollo per un importo di 16 euro e si dovrà versare una tassa annuale per l’occupazione del suolo pubblico, determinata dal Comune stesso (la durata della concessione è di 29 anni). In caso di autorizzazione si dovrà pagare il costo della tassa di occupazione di suolo pubblico (Tosap).

La tassa può variare a seconda del Comune di competenza, viene determinata in funzione della profondità del varco e di solito va da un minimo di 30 a un massimo di 50 euro. Per quanto concerne eventuali esenzioni a favore dei privati, saranno gratuiti i passi carrabili aperti per i portatori di handicap. Mentre chi espone un passo carrabile falso, senza le autorizzazioni necessarie, la sanzione amministrativa va dai 41 ai 169 euro.

Laissez Vos Commentaires

Please enter your comment!
Please enter your name here