Quanto costa la Tari: la mappa delle regioni italiane

La media italiana dei costi della Tari si assesta, per il 2019, intorno ai 300 euro. A rivelarlo uno osservatorio di Cittadinanzattiva. Ma le differenze in base al territorio ci sono e sono anche abbastanza marcate.

La regione più economica, ad esempio, è il Trentino-Alto Adige, con 190 euro, mentre la più cara è la Campania con 421 euro. Catania, invece, il capoluogo di provincia più costoso (504 euro e un aumento del 15, 9% rispetto al 2018), Potenza il più economico (121 euro e un decremento del 13, 7% rispetto al 2018).

RegioneTari 2019Tari 2018Variazione
Campania421 euro422 euro-0.3%
Sicilia394 euro399 euro-1.3%
Puglia373 euro373 euro0%
Sardegna345 euro345 euro0%
Liguria333 euro323 euro+3.2%
Abruzzo326 euro320 euro+1.8%
Lazio325 euro332 euro-2%
Toscana323 euro322 euro+0.3%
Umbria301 euro301 euro0%
Calabria296 euro296 euro0%
Piemonte276 euro272 euro+1.4%
Valle D'Aosta275 euro281 euro-2.3%
Emilia-Romagna274 euro276 euro-0.8%
Lombardia241 euro239 euro+0.8%
Marche235 euro238 euro-1.4%
Veneto234 euro234 euro0%
Friuli Venezia Giulia228 euro221 euro+3%
Basilicata221 euro204 euro+7.9%
Molise219 euro218.5 euro+0.1%
Trentino-Alto Adige190 euro183 euro+3.9%

Tendenzialmente, i rifiuti costano meno al Nord (in media 258 euro), segue il Centro (299 euro), infine il Sud, più costoso (351 euro). Più di due famiglie su tre (precisamente il 68, 2%) ritengono di pagare troppo per la raccolta dei rifiuti: la percentuale sale all’83, 4% in Sicilia, segue l’Umbria con l’80, 2%, la Puglia con il 79, 1%, la Campania con il 78, 4%.

Analizzando le tariffe dei 112 capoluoghi di provincia esaminati, sono state riscontrate variazioni in aumento in circa la metà, 51 capoluoghi; tariffe stabili in 27 capoluoghi e in diminuzione in 34. A Matera l’incremento più elevato (+19, 1%), a Trapani la diminuzione più consistente (-16, 8%).

Laissez Vos Commentaires

Please enter your comment!
Please enter your name here