Quasi 250 milioni di euro per una casa a Londra, l’acquirente è un magnate cinese

Prezzo da record per una proprietà londinese: 210 milioni di sterline per una casa con 45 camere da letto nell’esclusivo quartiere di Knightsbridge a Londra. Il compratore sarebbe un miliardario cinese.

Si tratterebbe di Cheung Chung Kiu, un magnate che opera nel settore immobiliare, fondatore e presidente della CC Land Holdings, quotata alla Borsa di Hong Kong. Se la compravendita fosse realizzata, farebbe registrare un nuovo record per l’abitazione più cara del Regno Unito e una delle più costose del mondo.

L’edificio in questione si trova a 2-8a Rutland Gate, risale alla metà del XIX secolo e si affaccia su Hyde Park, proprio nei pressi di Harrods. Oltre alle 45 camere da letto, è dotato di parcheggio sotterraneo, diversi ascensori, finestre antiproiettile e una piscina.

I precedenti residenti sono stati personaggi del defunto principe ereditario dell’Arabia Saudita, Sultan bin Abdulaziz e l’ex primo ministro e miliardario libanese Rafic Hariri. L’accordo è stato mediato da Beauchamp Estates, secondo quanto riferito da Bloomberg.

Se l’operazione andasse in porto, verrebbe superato il primato di 238 milioni di dollari spesi dal gestore di hedge fund Ken Griffin per un attico a Manhattan nel gennaio 2019. Non solo, il costo pagato da Cheung Chung Kiu sarebbe quasi il doppio dei 183 milioni di dollari spesi per una proprietà britannica di 300 anni nel 2011.

L’acquisto di Rutland Gate sarebbe la prova, secondo gli esperti, che la fase di ristagnamento del segmento del mercato immobiliare di lusso fosse dovuto all’incertezza sulla Brexit, e che sia già iniziata la ripresa.

Come sottolinea Forbes, “dimostra anche come gli investitori stranieri stiano approfittando di una sterlina indebolita dalle trattative in stallo che hanno rovinato la fiducia delle imprese: la stessa proprietà è stata valutata 392 milioni di dollari (300 milioni di sterline) nel 2012.

Laissez Vos Commentaires

Please enter your comment!
Please enter your name here