Reddito di inclusione verso la proroga al 2019

In attesa dell’entrata in vigore del reddito di cittadinanza, nella legge di Bilancio è presente una disposizione che prevede la proroga al 2019 del Reddito di inclusione.

Il Rei, che dal 1º gennaio 2018 ha sostituito il sostegno per l’inclusione e l’assegno di disoccupazione, rimarrà fin tanto che non diventerà pienamente operativo il reddito di cittadinanza. Sarà quindi possibile presentare domanda all’Inps e richiedere il sussidio. Anche per il 2019 resteranno i limiti Isee.

In base alle ultime modifiche normative, il Rei spetta alle famiglie:

  • il cui indice Isee non supera 6.000 euro (può essere utilizzato anche l’Isee corrente);
  • il cui indicatore Isre non supera i 3.000 euro;
  • con un valore del patrimonio immobiliare, diverso dalla casa di abitazione, non superiore a 20.000 euro;
  • con un patrimonio mobiliare massimo tra i 6.000 e i 10.000 euro a seconda del numero dei componenti del nucleo;
  • senza imbarcazioni da diporto o navi;
  • senza, auto o moto immatricolate nei 24 mesi precedenti la richiesta del sussidio, salvo i veicoli destinati ai disabili.

Con il Rei si potrà percepire un importo medio variabile, sulla base del numero di componenti del nucleo familiare, da 187 euro a 539 euro.

Nel dettaglio, ecco gli importi del reddito di inclusione dal 1º gennaio 2018:

  • Componenti del nucleo familiare: 1 > Importo mensile (x 12 mesi): 187, 50 euro
  • Componenti del nucleo familiare: 2 > Importo mensile (x 12 mesi): 294, 38 euro
  • Componenti del nucleo familiare: 3 > Importo mensile (x 12 mesi): 382, 50 euro
  • Componenti del nucleo familiare: 4 > Importo mensile (x 12 mesi): 461, 25 euro
  • Componenti del nucleo familiare: 5 > Importo mensile (x 12 mesi): 534, 38 euro
  • Componenti del nucleo familiare: 6 > Importo mensile (x 12 mesi): 539, 82 euro

Per conoscere lo stato di avanzamento della domanda del Rei, l’Inps ha rilasciato il servizio automatico “Stato domanda Rei”, che consente all’utente di verificare lo stato della sua domanda del reddito di inclusione componendo il numero 803 164, gratuito da telefono fisso e il numero 06 164 164 da cellulare.

Il servizio automatico chiede all’utente i propri dati anagrafici (nome, cognome e data di nascita) e l’identificativo della pratica presentata. Il sistema comunica all’utente lo stato di lavorazione della pratica e fornisce informazioni relative alla consultazione dei pagamenti.

Laissez Vos Commentaires

Please enter your comment!
Please enter your name here