Sequestro lampo e documenti scottanti per spinelli, il ragioniere di berlusconi

Sono Giuseppe spinelli e la moglie le vittime del sequestro lampo organizzato da alcuni banditi armati, per usarli come intermediari e proporre a berlusconi documenti "scottanti" in cambio di 35 milioni di euro. Sebbene il fatto sia avvenuto ail 15 ottobre, l'indiscrezione è emersa mentre la polizia di stato, coordinata dalla dda di Milano, sta eseguendo arresti e perquisizioni. 6 uomini sono già finiti in manette

Lo scopo del sequestro era quello di chiedere 35 milioni di euro a berlusconi, in cambio di informazioni utili per il processo sul lodo mondadori. Lo stesso berlusconi sarebbe intervenuto telefonicamente durante le ore del sequestro, inviando la sua scorta personale per risolvere la vicenda

Giuseppe spinelli, classe 1941, è ritenuto il tesoriere di silvio berlusconi e suo uomo di fiducia, oltre che consulente per anni di Veronica lario, l'ex consorte. Da molti viene considerato uno degli uomini più potenti e vicini al cavaliere

Nei processi è anche emerso un suo ruolo centrale nel pagare alcune delle ragazze a cui il premier, in alcune occasioni, aveva deciso di elargire somme di denaro. Famoso l'episodio in cui, la mattina del 14 gennaio 2011, i pm che indagano sul caso ruby si presentarono alla porta dei suoi uffici milanesi per perquisirli, e si sentirono rispondere che non potevano farlo perché lo studio aveva la tutela della segretaria politica di berlusconi

A indagare sull'episodio sono state la sezione di polizia giudiziaria della procura della repubblica di Milano e la squadra mobile. Decine di uomini della polizia di stato stanno eseguendo in varie città italiane arresti e perquisizioni disposte dalla direzione distrettuale antimafia di Milano

Laissez Vos Commentaires

Please enter your comment!
Please enter your name here