Sicilia, alla vigilia delle elezioni la regione distribuisce soldi a chi protesta

In tempi di crisi (e di elezioni) ci vogliono misure eccezionali. Se il governo consente alla disastrata regione Sicilia di usare i fondi del patto di stabilità, ecco che il cosiglio regionale, quando mancano solo due settimane alle elezioni, pensa bene di usare quei soldi per accontentare "gli scontenti", ovvero docenti della formazione e forestali che protestano contro la mancanza di soldi

Dei 420 milioni di euro messi a disposizione della regione, 77 e mezzo andranno alla formazione professionale, per garantire gli stipendi fino a fine anno, 21 sono destinati alla cassa integrazione per pagare un vecchio debito con l'inps. "Pochi spiccioli" per le imprese che riceveranno "solo" 45 milioni, ma dalla regione arriva l'assicurazione di voler sbloccare i fondi europei destinati alle opere pubbliche. Insieme ai soldi per i forestali andranno anche quelli per i 550 trattoristi dell'ente di sviluppo agricolo, attualmente privi di trattore perché i privati non considerano molto competitivo utilizzare i conducenti mandati dalla regione

Nella busta paga di novembre ci saranno anche gli straordinari per i dipendenti regionali. 25 milioni distribuiti in somme comprese tra 150 e 600 a dipendente a seconda della categoria. Oltre ai soldi, nel clima elettorale arriveranno anche i concorsi per contratti a termine nelle asp (aziende sanitarie provinciali) e negli ospedali

Laissez Vos Commentaires

Please enter your comment!
Please enter your name here