Terremoto Aquila: la ricostruzione nove anni dopo

Nove anni dopo il terribile terremoto dell'Aquila, il centro storico è ancora un grande cantiere, mentre la periferia ormai da tempo ha ripreso il suo tram tram abituale. A dare vita al cuore pulsante della città sono gli studenti che di notte animano le sue strade, mentre molti degli ex residenti aspettano ancora nelle abitazioni del progetto case.

Secondo i dati aggiornati al 31 Marzo 2018, a distanza di 9 anni dal sisma, sono ancora 8.204 le persone alloggiate nei Progetti Case e 2149 quelle che si trovano nei Map (moduli abitativi provvisori). La città è ancora un grande cantiere a cielo aperto. I cantieri oggi sono 597 per un totale di 506 milioni di euro. Quelli conclusi 8.057 per importo superiore ai 3 miliardi di euro. Ne risultano allestiti 49 per ulteriori 755 mila euro.

Uno dei simboli della ricostruzione è sicuramente la Basilica di Collemaggio, riportata alla sua antica bellezza, insieme alla Chiesa delle Anime Sante, e al Palazzo Ardinghelli. Ma il centro storico è ancora un grande cantiere, con la maggior parte dei palazzi ancora puntellati, e poche attività commerciali che coraggiosamente hanno deciso di riaprire. Dopo la guida del sindaco Cialente, che aveva privilegiato la ricostruzione dell'asse centrale della città, adesso la ricostruzione è nelle mani del primo cittadino Pierluigi Biongi, che ha tenuto per sé le deleghe della Ricostruzione.

Uno dei più gravi ritardi nella ricostruzione riguarda sicuramente le scuole. Nonostante i 44 milioni stanziati dal 2013-2015, gli alunni delle materne e delle primarie sono ancora nei MUSP, i container allestiti per l'emergenza ed ancora utilizzati.

Guarda il reportage realizzato da idealista news all'Aquila otto anni dopo il terremoto

Laissez Vos Commentaires

Please enter your comment!
Please enter your name here