Una lussuosa casa a forma di fiore (fatta con container) nel deserto californiano

Quanti alla proposta di vivere in dei container, pur assicurando ogni comfort, sarebbero pronti ad accettare con entusiasmo? Pochi. Probabilmente, molto pochi. Eppure, ma come di questi tempi l'apparenza inganna. Anche se, a dire il vero, non è nemmeno il caso della casa che stiamo per presentarvi, visto che, già dall'aspetto, tutto sembra tranne che costruita con container.

In alcune parti del mondo, infatti, vivere in container rappresenta una soluzione abitativa persino di moda per ovviare alle difficoltà di acquisto o affitto delle case. In un contesto simile, molti architetti e designer hanno deciso che vivere in un container non deve implicare la rinuncia ai comfort e persino al lusso di una casa "tradizionale".

Tra questi c'è l'architetto britannico James Whitaker, di Whitaker Studio, che ha progettato una spettacolare casa utilizzando proprio dei conteiner. Il risultato è assolutamente incredibile.

Sul suo sito web, Whitaker si definisce un architetto eclettico, che prende ciò che trova, lo rielabora, lo trasforma e gli conferisce una nuova personalità. “Whitaker Studio non ha uno stile o una forma di lavoro consolidati, ma un insieme di interessi e temi in costante evoluzione da esplorare", afferma James.

Una delle sue ultime scommesse è molto rischiosa, dal momento che non ha solo basato il progetto su una composizione multi-container, ma l'ha anche collocata in un luogo che, almeno sulla carta, è abbastanza inospitale: il deserto californiano di Joshua Tree. Uno spazio che non ha nulla a che vedere con le immagini idilliache e rinfrescanti della California che siamo abituati a vedere in serie e film.

Si tratta di una struttura ricavata dall'unione di 14 container, disposti da diverse angolazioni, che arrivano a formare uno spazio immenso che supera i 200 m2. Il modo in cui sono posizionati ricorda un immenso fiore bianco che germoglia dalla terra del deserto.

Gli interni ottimizzano al massimo lo spazio con le ampie finestre che consentono l'ingresso di abbondante luce naturale da tutti gli angoli. Ha diversi spazi comuni come la cucina, un ampio soggiorno e sala da pranzo, insieme a tre camere con i rispettivi bagni.

Inoltre, per dare maggiore luminosità agli spazi, si è deciso di coprire tutte le superfici interne ed esterne in bianco. Per dare un tocco di sostenibilità e autosufficienza, i pannelli solari che coprono il garage sono responsabili della fornitura di tutta l'energia elettrica necessaria.

Siamo sicuri che se sei una di quelle persone che credono che sia impossibile trasformare un container in uno spazio per vivere comodamente e persino elegantemente, questa casa ti farà cambiare idea.

Laissez Vos Commentaires

Please enter your comment!
Please enter your name here